Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Fiume Sarno causa di tumori. Consigliere Marra sentito dal Ministero della Sanità

Scritto da Redazione il 26 ottobre 2015 in Agro Nocerino,Cronaca,Evidenza,Territorio. Stampa articolo

fiume sarno 2Scafati. Continuano gli allarmi legati alla condizione in cui versa il fiume. Dopo la presunta contaminazione a Foce, la situazione più critica si riscontra a Scafati.

Il consigliere con delega alla Sanità Brigida Marra a nome del Sindaco e dell’Amministrazione di Scafati ha incontrato i responsabili del Ministero della Salute per discutere della presunta connessione tra il fiume Sarno e lo sviluppo delle malattie tumorali.

“Un incontro assolutamente costruttivo quello a cui oggi ho preso parte, un tavolo tecnico a cui hanno partecipato il Direttore del settore Prevenzione e i suoi collaboratori e nel corso del quale ho esposto la grave situazione in cui versa non Scafati e l’intero territorio dell’Agro. Ho ribadito che stiamo morendo nell’indifferenza del Governo Nazionale, che gli amministratori si sentono impotenti e abbandonati” ha dichiarato Marra al termine dell’incontro.

Soddisfazione del consigliere per l’accordo raggiunto “A seguito di ampia discussione, durante la quale ho esibito materiale fotografico nonché, le varie richieste inoltrate tra l’altro, al Registro Tumori di Salerno e all’Airtum, siamo riusciti a concordare un cronoprogramma di atti ed attività da mettere in campo con la previsione di un incontro che sarà presenziato dal Ministero della Salute, dall’Istituto Superiore della Sanità da tenersi a Scafati ed al quale,  sarà importante prendano parte tutti i comuni dell’Agro,  la Regione Campania, nonché, l’ASL, l’Arpac e l’Airtum. Esistono temi, rispetto ai quali le battaglie vanno condotte insieme e soprattutto, rispetto ai quali, percepisci il vero senso della politica costruttiva, quella che l’Amministrazione Aliberti ogni giorno prova a mettere in campo”.

 

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA