Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

L’iniziativa #DomenicaalMuseo e gli eventi nella notte di Halloween

Scritto da Redazione il 30 ottobre 2015 in Eventi,Territorio. Stampa articolo

images (1)Il 1° novembre 2015 torna l’appuntamento con l’iniziativa #DomenicalMuseo, promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, che prevede l’ingresso gratuito al pubblico nei musei e nelle aree archeologiche nella prima domenica di ogni mese.

Si tratta dell’Applicazione della norma del decreto del ministro Franceschini, in vigore dal 1° luglio dello scorso anno: essa stabilisce che ogni prima domenica del mese non si paga il biglietto per visitare monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali dello Stato.

Ad esempio, a Napoli saranno aperti gratuitamente il Castel Sant’Elmo, il Museo Archeologico e il Palazzo Reale, mentre nei dintorni si potranno scoprire gli scavi di Pompei ed Ercolano, la Reggia di Caserta e l’Arco di Traiano a Benevento.

Per maggiori informazioni, è possibile consultare l’elenco completo dei luoghi d’arte che aderiscono all’iniziativa, collegandosi al sito del Ministero:  www.beniculturali.it

Anche per la notte di Halloween sono in programma diversi eventi: a Salerno, Caserta e Napoli le discoteche allestiranno numerosi party a tema; ad Avellino e a Benevento avranno luogo alcune manifestazioni gastronomiche con la degustazione di prodotti tipici locali come castagne e dolciumi.

In particolare, a Napoli, si terrà la settima edizione di Halloween 2015, tour per adulti e bambini, una manifestazione organizzata dall’associazione culturale Insolitaguida: la mattina del 31 ottobre e del 1° Novembre i bambini potranno partecipare al tour Dolcetto o scherzetto?, facendo una passeggiata tra i vicoli napoletani e ascoltando le curiosità narrate dagli ‘spiriti’; il tour proseguirà la sera del 31 con le streghe, che in ogni ora accompagneranno i gruppi di persone desiderosi di sentire le storie sulle figure misteriose partenopee.

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA