Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Cava, false unioni per favorire l’immigrazione: arrestato 48enne

Scritto da Redazione il 13 novembre 2015 in Costa d'Amalfi,Cronaca,Evidenza,Territorio. Stampa articolo

polizia-di-statoCava de’ Tirreni. G. S., un 48enne di Nocera Inferiore, è stato arrestato dalla Polizia, mentre una complice marocchina è sfuggita alla cattura: i due favorivano l’immigrazione clandestina con la celebrazione di “matrimoni di comodo” e l’uso di atti ottenuti in modo illegale o contraffatti.

La donna, secondo gli inquirenti, sarebbe rientrata nel proprio paese d’origine.

Per i medesimi fatti, sono anche indagate 34 persone di nazionalità italiana e straniera, residenti a Cava e nei comuni limitrofi.

Le indagini hanno permesso di accertare, a partire dal 2012, 19 unioni false. 

Gli investigatori hanno identificato, tra le persone coinvolte, degli extracomunitari clandestini che, per avere il permesso di soggiorno e regolarizzare la propria posizione in Italia, erano disposti a pagare fino a 10mila euro all’organizzazione che si attivava per i documenti relativi alla celebrazione dei matrimoni e, in alcuni casi, si occupava perfino del banchetto nuziale per far sembrare l’evento veritiero.

Agli extracomunitari, inoltre, veniva fornito un “pacchetto servizi” per il periodo necessario all’ottenimento del permesso di soggiorno.

I “coniugi” italiani, di entrambi i sessi, erano reclutati tra persone con problemi economici e che si accontentavano di poche migliaia di euro.

G. S., finito ai domiciliari, alla vista dei poliziotti, ha tentato di fuggire, ma è stato bloccato prima di mettere in moto la propria auto.

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA