Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Luci D’Artista, prevista un’invasione di turisti. De Luca attacca i vigili urbani

Scritto da Redazione il 28 novembre 2015 in Evidenza,Politica,Salerno,Territorio,Turismo. Stampa articolo

luci d'artistaSi corre ai ripari per evitare il caos. Tra stop alle navette e vigili urbani a ranghi ridotti per il quarto fine settimana di seguito a causa del blocco degli straordinari, si apre un fine settimana di fuoco per la mobilità cittadina. In arrivo una invasione di turisti.
Come riporta l’edizione online de “Il Mattino”, tra stasera e domani risultano prenotati 324 pullman privati oltre a 210 camper, ma altri cento pullman organizzati faranno capolino in città senza prenotazioni.
La cancellazione dei collegamenti con navette da via Allende a piazza della Concordia costringe l’amministrazione comunale ai salti mortali dopo la conferma del blocco dei turni straordinari da parte delle rsu della polizia municipale.

Una situazione che fa arrabbiare e non poco Vincenzo De Luca. L’ex sindaco di Salerno si è così sfogato ai microfoni di Lira Tv. C’è da vergognarsi, per quanto mi riguarda l’amministrazione comunale deve dire basta a questi ricatti che sono vergognosi – dichiara il governatore della Campania sulla vertenza dei vigili urbani – Dura da mesi con continui rilanci: hanno avuto l’aumento dei buoni mensa, dei tempi di vestizione evidentemente complessa vista la richiesta, sono stati stanziati 300mila euro per gli straordinari per il periodo di Luci d’Artista, ma come sempre quando ci sono dei caporione a guidare queste sommosse succedono degli imprevisti. Per ogni punto d’intesa che si raggiunge c’è un nuovo rilancio. Questi si chiamano ricatti. Farà bene l’amministrazione a mettere un punto fermo sulla questione. Se c’ero io le trattative si erano interrotte già tre mesi fa”, ha sbottato. “Hanno avuto l’aumento dei buoni pasto, passati da tre a cinque. Hanno avuto l’aumento dei tempi di vestizione, mezz’ora ogni turno, 15 quando si va e 15 quando si esce. Evidentemente – continua il Governatore – la vestizione dei nostri vigili è complessa: si vestono come le geisha quando mettono il kimono”, ha scherzato, per poi concludere: “Se ci sono vigili che hanno necessità familiarie interesse a fare lo straordinario perché magari hanno un solo stipendio in famiglia, piena disponibilità a organizzare anche turni che consentano di percepire un po’ di straordinario. Se invece vanno bene i due o tre caporioni, se li tengano, e denunceremo alla città tutti i comportamenti”.

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA