Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Paganese choc, la Covisoc boccia l’iscrizione in Lega Pro

Scritto da Redazione il 13 luglio 2016 in Calcio,Paganese,Sport. Stampa articolo

Un finale horror. Rischia di perdere la Lega Pro la Paganese. La società azzurrostellata infatti, è stata bloccata dalla Covisoc per quanto concerne l’iscrizione al prossimo campionato di Lega Pro. Una doccia gelata che mette ora in fortissimo dubbio la permanenza tra i professionisti del team campano proprio all’ombra dei suoi novanta anni di storia. Una decisione che ha fatto adirare la società del patron Trapani che, attraverso il proprio sito ufficiale, ha comunicato tutto il proprio malcontento. “La Covisoc nella tarda serata di ieri ha comunicato di aver deliberato l’esclusione della Paganese Calcio 1926srl dal Campionato di Lega Pro 2016/2017. L’esclusione è motivata con le pendenze che attualmente laPaganese Calcio 1926 srl ha con il fisco e con gli enti previdenziali e al riguardo intende chiarire quanto segue.

La Società attraversa, come molte altre aziende italiane, specie nel sud, un momento di crisi. Il settore del calcio in particolare, ha visto un notevole decremento delle voci di introito. L’art. 182ter L.F. prevede, proprio per questi casi, un procedimento di risanamento nell’ambito del quale si colloca la possibilità di una transazione con il fisco. A questo fine è stata presentata un’istanza sin dal 2 dicembre 2015. Da quel momento vi sono stati vari momenti interlocutori, ma mai una presa di posizione chiara e definitiva degli uffici fiscali, nonostante numerosi incontri nei quali abbiamo fatto presente l’urgenza di una loro decisione.

Una risposta negativa è pervenuta solo l’8 luglio u.s. ed essa appare assolutamente illegittima in quanto non ha tenuto conto della serietà e della ragionevolezza del piano di rientro che era stato proposto.

La Paganese Calcio 1926 srl si batterà con tutte le sue forze contro l’esclusione dal campionato, che significherebbe non solo distruggere una storia che dura da 90 anni, ma anche la chiusura di una azienda che rappresenta un elemento di coesione del nostro territorio, un’occasione di lavoro per circa 50 addetti ed una prospettiva per tutti i giovani talenti che vogliono coltivare la passione per il calcio.

Infine la Società conferma che la fideiussione consegnata presso gli uffici predisposti della Lega Pro, rispetta tutti i requisiti richiesti per la validità essendo la compagnia assicurativa iscritta all’IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni)”.

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA