Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“La paranza di Scampia”: 8 arresti tra Napoli, Salerno e Sarno

Scritto da Redazione il 7 ottobre 2016 in Agro Nocerino,Cronaca,Evidenza,Salerno,Territorio. Stampa articolo

carabinieriSalerno. I Carabinieri di Nocera Inferiore, insieme a quelli del Comando Provinciale di Napoli, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Nocera Inferiore, su richiesta della Procura, nei confronti di 8 pregiudicati, accusati, in concorso tra loro, di rapine pluriaggravate e ricettazione.

Le indagine erano state avviate nell’agosto nel 2015  ed hanno portato all’individuazione di un gruppo criminale dedito alla commissione di rapine negli uffici postali e negli istituti di credito, con base operativa nel quartiere partenopeo di Scampia.

 Il 14 dicembre 2015, erano state già eseguite 7 misure cautelari nei confronti di persone, indagate per associazione per delinquere finalizzata alle rapine e lesioni personali, poiché ritenute responsabili della rapina commessa il 18 agosto 2015 all’ufficio postale di Matierno, nel corso della quale era rimasta ferita una donna che aveva riportato lesioni guaribili in 10 giorni. In particolare, nel prosieguo dell’attività investigativa, i carabinieri sono riusciti a documentare le responsabilità degli 8 arrestati rispetto ad altre 3 rapine. Nello specifico si tratta di 2 rapine avvenute all’ufficio postale di Sarno il 28 aprile 2015 e alla filiale della Banca Popolare dell’Emilia Romagna di Roccapiemonte il 22 maggio 2015 e una tentata all’ufficio postale di San Marzano sul Sarno il 4 luglio dello stesso anno.
paranza_di_scampia
Sei degli arrestati sono napoletani; si tratta di Giovanni Perrotta (44 anni), Sabatino Perrotta (41 anni), Salvatore Di Tota (43 anni), Salvatore Pappagallo (40 anni), Nicola Scotto (26 anni) e Salvatore Somma (45 anni). Arrestati anche 2 sarnesi: Pasquale Robustelli (52 anni) e Ferdinando Manzo (59 anni), quest’ultimo condotto agli arresti domiciliari.

 

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA