Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Salernitana, Rosina: “Che disattenzione quel gol”. Vitale: “Ansia dalla gestione Sannino”

Scritto da Redazione il 19 dicembre 2016 in Calcio,Salernitana,Sport. Stampa articolo

Gol amaro. Non basta la seconda gioia consecutiva ad Alessandro Rosina per far ritornare il sorriso sia sul suo volto che su quello della Salernitana. Il k.o. con il Carpi è un boccone amarissimo da mandare giù anche per il capitano granata, autore (fortunato) dell’1-1 che aveva riacceso entusiasmo e speranze. “Perdere subendo gol negli ultimi minuti è uno smacco incredibile – racconta in sala stampa Rosina – Abbiamo affrontato a viso aperto un avversario temibile come il Carpi, reagendo dopo il gol dello svantaggio e sfiorando addirittura la vittoria. Poi quando la gara sembrava incanalarsi verso il pari è arrivato il calo di concentrazione che ci è costato carissimo”. Mea-culpa, per un match che poteva consacrare la definitiva guarigione dei granata dal mal di risultati ma che racconta invece dell’ennesima occasione persa. “Non riusciamo a vincere due partite di fila. Questo è penalizzante per chi vuole fare un salto significativo in classifica”. Amarezza nelle parole di Rosina sottolineata anche dallo sguardo basso e cupo di Luigi Vitale. “Siamo rammaricati per questa sconfitta – analizza l’esterno napoletano – Non abbiamo concesso nulla al Carpi, mettendo in pratica quanto preparato in settimana. Però siamo qui a raccontare dell’ennesima partita persa per una distrazione su palla inattiva”. Errore che per Vitale affonda le radici già dalla gestione Sannino. “Ogni volta che c’è un corner o calcio di punizione a sfavore abbiamo paura, un’ansia che ci portiamo dietro sin dalla vecchia gestione. Non possiamo fare altro che lavorare e migliorare, iniziando a pensare solo al derby ”. Lì dove non ci sarà Massimo Coda, espulso nel primo tempo per doppia ammonizione. “Massimo è arrabbiato ma nessuno negli spogliatoi ha detto una parola. La delusione è ancora tanta, da domani proveremo ad analizzare dove abbiamo sbagliato”.

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA