Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Dodicenne costretta a prostituirsi. La madre si difende: “Solo telefonate, nessun rapporto con l’uomo”

Scritto da Redazione il 3 febbraio 2017 in Cronaca,Evidenza,Salerno,Territorio. Stampa articolo

20140417_typ-412737-4102415-violenza_minori01gSalerno. La 31enne salernitana accusata di aver costretto la figlia dodicenne a prostituirsi per 5 euro è stata ascoltata dal gip  Stefano Berni Canani.

La donna si è difesa sostenendo che non vi sia stato alcun incontro sessuale tra l’anziano e la bambina; la madre ha affermato di aver in più occasioni parlato al telefono con l’uomo, a volte facendo finta di essere la figlia, ma che i rapporti con l’uomo si sono limitati alle telefonate. 

Le telefonate compiute dalla donna sono state intercettate dai Carabinieri e proprio in quelle conversazioni la madre aveva più volte offerto all’anziano la figlia in cambio di 5-15 euro.

Gli episodi si sarebbero verificati tra giugno e settembre del 2016, almeno quelli di cui hanno le prove i Carabinieri.

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA