Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Salernitana, Lotito: “Due punti persi ma accontentiamoci. De Laurentiis? Non rispondo”

Scritto da Redazione il 18 febbraio 2017 in Calcio,Evidenza,Salernitana,Sport. Stampa articolo

Claudio Lotito ha commentato così il pari fra Salernitana e Cesena: “Abbiamo avuto molte più occasioni del Cesena ma sono una bella squadra, ben messo in campo. Dovevamo chiuderla ma bisogna accontentarsi. Qua nessuno si accontenta, ci vuole pazienza, il nostro obbiettivo è arrivare ai playoff. Stiamo facendo buone prestazioni, abbiamo mancato i tre punti con Novara e Cesena, c’è rammarico ma stiamo sulla buona strada. Non abbiamo concretizzato. Un dolce fondente, non cioccolata a latte.

Donnarumma? Scelta tecnica basandosi sull’assetto tattico del Cesena. Nel secondo tempo siamo stati più offensivi provando a raggiungere la vittoria che meritavamo ma non è arrivata. Con Vitale e Donnarumma eravamo più offensivi ma è mancato solo il gol. L’assetto lo sceglie il mister.

Minala? E’ una richiesta dell’allenatore che lo ha scoperto. Ho evitato di portare altri giocatori perché poi si pensa a Salerrno come come colonia della Lazio. Meglio averli qui che affrontarli da avversari, anche perché non sono scarti ma calciatori interessanti. Gli inserimenti di gennaio stanno dando i propri frutti, facendo crescere il gruppo.

De Laurentiis? Non rispondo, non è nel mio costume. Chi esterna lo fa per alcuni convincimenti e presunzioni. Io non mi esprimo, conscio che Tavecchio ha fatto benissimo, facendo cose che in trent’anni la Figc non ha mai fatto. Abbiamo lavorato sia per migliorare il nostro movimento sin dalle basi che portando nostri esponenti nel consiglio direttivo della Fifa. Tavecchio non fa parlare di sé e ma lascia spazio ai fatti. Abodi? E’ un ragazzo volitivo, ha fatto bene da quando è entrato nel calcio e attendo onorerà le sue dimissioni annunciate dalla B. Ci sono state presi di posizioni importanti dai vari organi e quindi i margini per un cambiamento in corsa sono davvero pochi. Mi auguro che gli elettori ricordino cosa è stato fatto e non si lasci rapire dalle promesse. Interrompere un percorso che ha portato tanti risultati sarebbe un errore più che un peccato”.

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA