Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

A Salerno la Chiesa ecologica che cattura lo smog come un bosco

Scritto da Redazione il 8 marzo 2017 in Ambiente,Evidenza,Salerno,Territorio. Stampa articolo

115727586-bc8d2e73-bfc0-4e43-acd6-af92a6e5897fSalerno. E’ stato presentato il progetto della nuova Chiesa S. Giovanni e S. Felice in Felline di che ospiterà i fedeli dei quartieri di Torrione e Sala Abbagnano. 

La Chiesa, che verrà costruita grazie ad un finanziamento di 4,5 milioni di euro da parte della Cei (Conferenza episcopale italiana), rappresenta un progetto estremamente innovativo in quanto sarà costruita riducendo al minimo l’impatto ambientale.

La Chiesa occuperà meno terreno possibile, in modo tale da non distruggere le aree verdi circostanti,è prevista l’installazione di celle fotovoltaiche per compensare il consumo energetico della parte dell’edificio destinata all’oratorio.

La vera novità consiste nell‘utilizzo di una vernice fotocatalitica permette di imprigionare lo smog creando il cosiddetto “effetto bosco”: 100 metri quadrati di superficie sono equivalenti, dal punto di vista della cattura degli inquinanti, a 100 metri quadrati di alberi di alto fusto. I 1.200 metri quadrati di superficie compenseranno le emissioni medie prodotte da 200 auto in un anno.

“Su 11 mila metri quadrati di terreno solo mille verranno coperti dalla nuova struttura, il resto sarà destinata a una piazza botanica che resterà aperta 24 ore su 24: ulivi, cipressi e un gruppo di palme prenderanno il posto del parcheggio asfaltato che attualmente occupa l’area”, spiega Luigi Centola, l’architetto che ha ideato il progetto. “Vogliamo creare una chiesa ecocompatibile costruita con tecniche e materiali tipici dell’architettura mediterranea tradizionale: nell’impasto del cemento che tiene la struttura gli inerti sono costituiti da lava, pomice e lapilli, una reinterpretazione del bugnato storico in basalto o piperno di palazzi e chiese campane. La struttura del tetto è in legno. Le finestre sono incassate e coperte da vetri specchianti che le rendono quasi invisibili”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA