Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Salernitana, Bollini: “La classifica piange, vogliamo riscattarci”

Scritto da Redazione il 16 settembre 2017 in Calcio,Evidenza,Salernitana,Sport. Stampa articolo

“Sulle imprevedibilità dell’avversario dobbiamo attenzionare la nostra partita di domani senza però snaturare il nostro gioco. Quando alla quarta di campionato affronti un avversario che in tre partite ha segnato dieci gol, e tenuto conto anche del marchio di fabbrica del suo allenatore, va da sé che sarà importante curare bene la fase di non possesso senza però rinunciare ai nostri concetti. Inoltre non vogliamo assolutamente che l’alibi prenda il sopravvento da un punto di vista psicologico: la nostra classifica piange e dobbiamo limare al massimo gli errori commessi e ripartire con ancora più convinzione”. Queste le parole di Alberto Bollini alla vigilia di Salernitana – Pescara.

 

“Dobbiamo limare i nostri errori, attenzionare l’avversario e giocare un calcio propositivo con la giusta forza caratteriale per cercare con convinzione quella vittoria che la Salernitana avrebbe già meritato ma ancora non ottenuto” ha aggiunto Bollini. “Dobbiamo fare tesoro delle nostre esperienze sia positive che negative. Abbiamo una percentuale di tiri contro in cui andiamo in svantaggio troppo alta e in questo campionato contro certi avversari non è solo una difficoltà momentanea ma anche di lettura della gara. Dobbiamo cercare di essere abili con le nostre individualità ma anche molto compatti, sia in fase di ripiegamento difensivo che nel saper attaccare sfruttando le caratteristiche dei singoli”.

 

Sull’undici che partirà dall’inizio: “Tenendo contro dell’avversario e delle condizioni psicofisiche dei giocatori potrebbero esserci delle modifiche di partenza ma senza snaturarci”.

 

Sugli aspetti su cui i granata hanno lavorato maggiormente in settimana: “Abbiamo ripreso la didattica difensiva e di non possesso, rafforzando il concetto di palla persa e le diagonali di chiusura. Insomma le nostre regole relative ai principi di difesa. Abbiamo lavorato cercando di essere corti e compatti a prescindere dai moduli”.

 

Infine sul Pescara di Zeman: “I numeri del Pescara parlano chiaro, hanno tanti giocatori importanti in rosa e rappresentano una nobile in questo campionato di B. Dovremo essere bravi nel proporre il nostro gioco facendo tesoro degli errori che ci stanno penalizzando e continuando a mantenere alto il morale”.

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA