Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Salernitana, pari d’orgoglio a Perugia

Scritto da Redazione il 1 maggio 2018 in Calcio,Evidenza,Salernitana,Sport. Stampa articolo

(30)Una Salernitana di ferro tiene testa al Perugia ed esce dal “Curi” con un pari d’oro. Rosina porta avanti i granata, ripresi da Di Carmine e sorretti nel finale da un super Radunovic. Mancano appena due punti per l’obiettivo salvezza ma questa Salernitana dimostra solidità e carattere da big.

Colantuono rivoluziona la Salernitana: spazio al 3-5-2 con Monaco e Tuia in difesa nel trio con Mantovani. Il centrocampo è nuovo di zecca con Akpa Akpro, Signorelli, Minala. Davanti ci sono Bocalon e Rosina.  Il Perugia parte subito forte e al 7’ sfiora il vantaggio: Di Carmine si beve Tuia e mette al centro trovando la deviazione di Monaco salvata da un intervento provvidenziale di Mantovani a pochi passi dalla linea di porta di Radunovic. Nemmeno due minuti ed è Gustafson a bruciare tutti sul radente di Pajac trovando però il palo a dirgli di no. Al primo sussulto la Salernitana passa: Vitale crossa per Casasola che chiama Leali al super intervento. Sulla ribattuta arriva Rosina che non sbaglia e porta avanti i granata. Il gol scuote il Perugia che pronti via avrebbe la chance per pareggiare ma Radunovic con coraggio ferma Leali in uscita. Il Perugia fa la partita ma la Salernitana con tanta fatica riesce a contenere. Nel finale di tempo il Perugia protesta per un penalty negato a Cerri per un contrasto con Monaco che il direttore di gara non sanziona ammonendo Cerri per simulazione.

La ripresa si apre con il pari del Perugia: Pajac mette dentro per Di Carmine che scappa a Tuia e Vitale e fa secco Radunovic. Il Perugia spinge ma sbatte su Radunovic fenomenale a bloccare Di Carmine riscattando un erroraccio su un tiro innocuo di Mustacchio. Colantuono mette dentro Rossi per Bocalon ed Odjer per Minala ma la sua Salernitana prova solo a difendere il pari e a resistere alla pressione offensiva del Perugia. All’85’ Radunovic è meraviglioso nel volo prodigioso che spegne la punizione straordinaria di Diamanti. Estremo difensore serbo spettacolare anche sul colpo di testa di Di Carmine che vale l’ultima chance e chiude il match sul pari.

RETI: 20’ pt Rosina (S), 5’ st Di Carmine (P)

PERUGIA (3-5-2): Leali, Magnani, Volta, Belmonte; Mustacchio, Gustafson (15’ st Diamanti), Bianco (2’ st Colombatto), Buonaiuto, Pajac; Cerri, Di Carmine.

A disposizione: Santopadre, Nocchi, Zanon, Gonzalez, Del Prete, Terrani, Kouan. Allenatore: Breda.

SALERNITANA (3-5-2): Radunovic, Mantovani, Tuia, Monaco; Casasola, Akpa Akrpo (37’ st Ricci), Signorelli, Minala (23’ st Odjer), Vitale; Rosina, Bocalon (25’ st Rossi).

A disposizione: Adamonis, Pucino, Kiyine, Palombi, Schiavi, Di Roberto, Asmah, Sprocati, Popescu. Allenatore: Colantuono.

NOTE: Spettatori: 8207. Ammoniti: Di Carmine (P), Minala (S), Cerri (P), Colombatto (P), Monaco (S), Vitale (S). Recupero: 4’ pt, 6′ st.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA