Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Salernitana-Ascoli 1-1, Colantuono: “Pari amaro, non siamo questi”

Scritto da Redazione il 25 settembre 2018 in Calcio,Evidenza,Salernitana,Sport. Stampa articolo

(44)Stefano Colantuono ha parlato subito dopo il pari della sua Salernitana con l’Ascoli: “Mi aspettavo una partita così, con un calo fisico visto il dispendio di energie. Non abbiamo fatto quello che dovevamo fare. Ci siamo intestarditi nel cercare Djuric coi palloni alti: quella è una soluzione ma non la regola. Ci sono circostanze in cui poterlo sfruttare ma cercandolo continuamente non ha senso.  Capisco la frenesia dopo lo svantaggio iniziale ma bisogna mantenere la calma e ragionare anche nei momenti di difficoltà. Volevamo riconquistare fiducia dopo la sconfitta di Benevento ma non ci siamo riusciti. Era una partita difficile contro un avversario ostico”.

Sulla scelta del modulo: “Volevo avere maggiore qualità puntando su Di Gennaro e Mazzari contro un avversario che aveva riposato. Davanti alla difesa avevo Di Tacchio per provare a frenare Ninkovic. Avendo a disposizione una rosa di 25 calciatori volevo lanciare anche chi era rimasto in panchina a Benevento e tenerli sulla corda. Il 4-3-1-2 è una cosa che abbiamo provato e che credo possiamo riproporre in futuro ma il modulo non è quello che mi spaventa di più. Ora dobbiamo trovare una quadratura, che è possibile avere solo con il lavoro”. Infine la decisione sulla sostituzione di Di Gennaro: “Ha avuto un problema al flessore e ho preferito toglierlo per evitare guai peggiori”.

Parla del match anche il tecnico dell’Ascoli Vincenzo Vivarini: “Il risultato è stato giusto ed è quello che meritano entrambe le squadre. Analizzando la partita abbiamo fatto una prestazione all’altezza di questo stadio e di questo pubblico, facendo tanto ordine e attenzione, esprimendo un discreto calcio. Ardemagni? Credo sia infortunio serio, abbiamo sentito il rumore dal campo”.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *