Tumore non diagnosticato: sette medici rinviati a giudizio per la morte di Giovanna D’Alessandro

Must read

Ospedale_BattipagliaBattipaglia. Un tumore al seno non diagnosticato ha causato la morte di Giovanna D’Alessandro, nel luglio del 2014.

Per ben tre anni, i diversi medici alle cui cure la donna si era sottoposta le hanno certificato solo la presenza di un ascesso.

Ad oggi, sono sette i medici rinviati a giudizio per omicidio colposo, in seguito al decesso della 43enne di Capaccio, operata e curata per altro e alla quale era stata garantita una prospettiva di vita di altri 10 anni per il 54%.

Si tratta del medico curante della donna e dei sei ospedalieri del “Santa Maria della Speranza” di Battipaglia.

 

- Advertisement -spot_img

More articles

- Advertisement -spot_img

Latest article