Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Pallavolo. La P2P espugna Pontecagnano e difende il terzo posto. Crolla l’imbattibilità della Volley Project

Scritto da Redazione il 16 dicembre 2013 in Pallavolo. Stampa articolo

Volley_Femminile_Due_Principati_Baronissi_2Pontecagnano. La Due Principati espugna Pontecagnano e difende il terzo posto in serie C femminile di pallavolo. Il blitz vale doppio, forse triplo come ci dicono i numeri della Volley Project che nella palestra “Picentia” non aveva mai perso in campionato e prima di sfidare Baronissi aveva conquistato 9 punti in 3 partite.

La Due Principati ha interrotto la serie positiva delle rivali con una condotta di gara saggia nel primo set (22-25), astuta nel secondo (22-25), ma pericolosa nel quarto quando ha rischiato più volte di arrivare al tie break (24-26) dopo il ritorno di fiamma delle picentine che s’erano aggiudicate il terzo parziale (25-22) sospinte da uno straordinario libero.
E’ poi prevalsa l’esperienza, la forza del collettivo e individuale. Con queste armi, la P2P è passata all’incasso: settima partita di fila con punti in cassaforte, 19 sui 21 in palio.

Nel primo set, il vantaggio irnino è larghissimo, +7 (7-14). Troppo largo, per le proprie abitudini, tant’è che l’ampio divario molto presto si assottiglia e solo un aces di Giogli spezza il digiuno (15-17). Poi il tabellino dice questo: punti del 16-20, del 19-21, del 20-22 ad opera di Boldrini. Il 21-24 matura per una battuta fuori di Pontecagnano ma Boldrini restituisce il favore insistendo con la battuta flot (22-24) che finisce in rete. I fantasmi non hanno il tempo di aleggiare: ci pensa una lucida Giogli, in pallonetto, di giustezza, a stampare sul parquet il pallone del 22-25.

Nel secondo set, Giogli riannoda i fili del primo parziale e ricomincia a martellare: alla prima interruzione della frazione (7 pari) c’è la firma dell’opposto salernitano in calce a 4 dei set punti della P2P. Pontecagnano scappa via (13-12), Baronissi annulla e piazza il contro break (+5, 13-12) aggrappandosi anche all’esperienza di El Gamal. Non basta: liberi di volare oppure liberi di sbagliare, i roster giocano sul filo dell’errore marchiano e del recupero strappa applausi. Pontecagnano trova in battuta il punto del 16-13. La Due Principati, però, ritrova il filo innescando il capitano De Chiara che da alcune partite sta finalmente “lievitando” nel gioco e nella condizione psico-fisica: dalla sua mano esperta arrivano i punti del 19 pari e del sorpasso. Il 19-21 si materializza attraverso un “mani e fuori” di Boldrini. Poi De Chiara in cattedra, al servizio, fino al 20-23. Baronissi non regge il cambio palla e la Volley Project è di nuovo sotto. Un provvidenziale time out di coach Veglia serve a riordinare le idee e riorganizzare il contrattacco. Chiude di nuovo Giogli, di nuovo sul 22-25.

Il terzo set è il manuale di come complicarsi la vita. Al cospetto del patron Montuori, la Due Principati acciuffa Pontecagnano sul pari 8 (chiusura di El Gamal), poi guadagna un prezioso vantaggio (9-12) e difende il +3 fino a metà set (14-17 e 15-18) complici alcuni prodigiosi recuperi difensivi di Sinisi che mette i pattini in questa fase per ricalibrare alcune traiettorie complicate. Poi c’è la crisi ma pare passeggera, perché nei momenti clou la P2P non si spegne (18-19, De Chiara e 19-21 di El Gamal). Non basta però e la squadra ricomincia a sbagliare, Pontecagnano sorpassa (23-22), coach Veglia prova ad interromperne l’inerzia con il time out ma le padrone di casa non hanno il braccino (25-22). Da sottolineare anche l’ingresso in campo della giovane Pierri per dare ristoro a Pastore.

Comincia un’altra partita, è un’altra Volley Project: 5-0 in avvio, poi 8 pari e anche +4 per la Due Principati (10-14). Si dovrebbe e potrebbe gestire con maggiore lucidità ma Baronissi non ricorda il copione del terzo set e viaggia sul filo di un rischioso equilibrio. Fino al punto del controsorpasso (23-20 per Pontecagnano). E’ il momento clou e la P2P ne esce da leone. Acciuffa le avversarie, si fa annullare il primo set point (24 pari) e ai vantaggi chiude il conto. Sul 24-25, coach Veglia si gioca la carta Cantarella in battuta. La giovane e brava centrale incarna lo spirito P2P: si allena, aspetta il suo momento e lo sfrutta a dovere. Dalla sua manona destra vien fuori un missile che il libero di Pontecagnano contiene eccezionalmente a fatica, regalando il tap-in. Baronissi è lì appostata, per far festa (24-26). Domenica 22 dicembre, ultima gara del 2013: alle ore 19, al Pala Irno, la Due Principati ospita Saviano.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA