Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Agropoli. ‘Libri da gustare’ e Roberta Bruzzone al ‘Settembre Culturale’

Scritto da Redazione il 12 settembre 2013 in Manifestazioni. Stampa articolo

roberta-bruzzoneAgropoli. Dopo il successo della passata edizione che ha visto la partecipazione di Spyros Theodoridis, primo vincitore di Masterchef Italia, anche quest’anno “Settembre Culturale” al Castello Angioino Aragonese di Agropoli propone la sezione “Libri da Gustare”, ancora più arricchita.

Il 13 settembre, alle ore 19, lo chef Bartolomeo Errico (Uno Mattina Rai) e la Docente Francescana Suor Stella Okadar (la Prova del Cuoco Rai), presenteranno i loro libri: “L’ABC in cucina” e “Il dragoncello e l’acqua santa”. Il 21 settembre Federica De Denaro (La Vita in Diretta Rai) presenterà  “La mia cucina in diretta”. Le serate saranno arricchite da un cooking show con i tre ospiti  che si cimenteranno in una ricetta significativa della loro opera. A fare gli onori di casa, come nel 2012, la nota giornalista di enogastronomia Antonella Petitti, direttore di Rosmarino News.it.

La serata, alle ore 20.30, proseguirà e si sposterà in Piazza delle Mercanzie, dove la psicologa e criminologa Roberta Bruzzone presenterà il suo ultimo libro “Segreti di famiglia – Il delitto di Sarah Scazzi, Le prove, i depistaggi e le lacrime di plastica”. L’autrice, esperta in psicologia investigativa, presidente dell’Accademia Internazionale delle Scienze forensi e docente accreditato presso gli Istituti di Formazione della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri, ha fatto di questo incredibile caso mediatico un libro-dossier con co-autori Giuseppe Centonze e Filomena Cavallaro, fondatori del Gruppo Verità e Giustizia per Sarah. Il libro racconta, atti alla mano, l’omicidio della 15enne di Avetrana in tutti i suoi dettagli. La nota criminologa ritiene che la sentenza sia il risultato di un ottimo lavoro condotto dalla magistratura. La verità non è venuta del tutto fuori e questa sentenza rappresenta un po’ “Il caso Avetrana 1″. “Presto – afferma, con decisione, la nota criminologa – ci sarà un’Avetrana 2″.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA