Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Olivetro Citra, al via il Premio Sele d’Oro Mezzogiorno 2016

Scritto da Redazione il 5 settembre 2016 in Eventi,Evidenza,Territorio. Stampa articolo

castelloOliveto Citra.  Tutto pronto per l’edizione 2016 del Premio Sele D’Oro.Al via, oggi  5 settembre, una settimana ricca di appuntamenti, idee, incontri e seminari che culminerà, sabato 10 settembre, con la presenza mattutina del presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, e la chiusura serale di Antonello Venditti.

Numerose le iniziative:  da lunedì 5 a venerdì 9 settembre, occuperà la fascia pomeridiana. L’iniziativa, in collaborazione con il Movimento nazionale giovani di Confindustria, nasce con l’intento di permettere ai ragazzi del territorio di confrontarsi con imprenditori giovani che, indipendentemente dal comparto nel quale operano, possano trasferire la loro esperienza e la loro visione, così da fungere da modelli di riferimento positivi. Ospiti del primo Smartcafé 016 saranno Marco Gambardella, packaging manager di Bioplast e Alessia Passatordi Brand manager pasta Antonio Amato. Coordina l’incontro la giornalista Giovanna Di Giorgio.

Alle 18.15, prevista l’intitolazione a tutte le vittime della mafia dello spazio antistante l’auditorium provinciale, via Alcide De Gasperi: si chiamerà Largo della memoria. “Il loro ricordo deve diventare lo sprono affinché il valore delle regole sia il presupposto fondamentale di ogni attività del vivere quotidiano – afferma il sindaco di Oliveto Citra, Mino Pignata – Quella che proponiamo è una memoria attiva, che ricordi chi ha dato la vita per la legalità e la giustizia, ognuno nel suo ambito e con i suoi strumenti. Bisogna fare in modo che la loro morte non sia vana: la memoria deve diventare uno sentimento attivo che accompagni e guidi la nuove generazioni”.

A seguire, presso l’auditorium, si terrà il seminario “Fare memoria, costruire cittadinanza”, un’occasione per discutere di mafia nella giornata che il Premio Sele d’Oro ha voluto dedicare alla cultura della legalità. Con il sindaco Pignata, ne parleranno: Maurizio Artale, presidente del Centro di accoglienza “Padre Nostro ONLUS”; Giovanni Impastato, fratello di Peppino e rappresentante dell’associazione “Casa memoria Felicia e Peppino Impastato”; Sante Massimo Lamonaca, giudice onorario esperto presso il Tribunale di sorveglianza di Salerno; don Aniello Manganiello, ex parroco di Scampia e fondatore dell’associazione Ultimi; Enrico Tedesco, segretario generale della Fondazione Pol.i.s.

Alle 21.00, presso l’auditorium comunale “S. Rufolo”, si tarrà lo spettacolo teatrale “Dieci storie proprio così”, che racconta di vittime conosciute ma dimenticate della criminalità organizzata, storie di impegno civile e riscatto sociale, di responsabilità individuali e collettive, di connivenze istituzionali e di taciti consensi. Scritto da Giulia Minoli ed Emanuela Giordano, “Dieci storie proprio così” è una ragionata provocazione contro quella rete mafiosa, trasversale e onnipresente, che vorrebbe sconfitta la coscienza collettiva, la capacità di capire e reagire. «Ho creduto necessario raccontare ai ragazzi gli orrori provocati dalla criminalità organizzata per far emergere anche lo sforzo e il coraggio di chi si attiva per contrastarli, creando lavoro e futuro – spiega Minoli – Grazie allo spettacolo, e al progetto che è nato intorno a esso, vogliamo rimettere al centro della scena sociale le nostre responsabilità individuali e collettive, stimolando soprattutto i più giovani a reagire, a conoscere, a diventare protagonisti di un cambiamento». Protagonisti sono uomini conosciuti come Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Don Giuseppe Diana, Giancarlo Siani, Peppino Impastato, e uomini meno conosciuti come Annalisa Durante, Federico Del Prete, Silvia Ruotolo.

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA