Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Esami di riparazione: gli studenti salernitani tra i banchi di scuola per il recupero dei debiti formativi

Scritto da Redazione il 3 settembre 2013 in Evidenza,Salerno. Stampa articolo

Debito-formativoSalerno. Mancano meno di giorni all’inizio del nuovo anno scolastico e molti giovani studenti delle scuole superiori sono già tra i banchi di scuola per affrontare l’esame di riparazione dei debiti formativi.

Chi in discipline scientifiche, chi invece in discipline umanistiche, gli studenti di Salerno sono circa 600, tra liceo classico, scientifico, istituto tecnico e  commerciale, che si ritrovano in questi giorni ad affrontare le prove, ma tra questi ci sono già istituti che hanno favorito i ragazzi nel duellare con la propria prova la settimana scorsa, quindi gli ultimi giorni del mese di agosto. Questo perchè il Consiglio studentesco ha voluto che i propri studenti svolgessero la prova con i professori che hanno conosciuto durante l’anno scolastico scorso, poichè nel seguente mese sarebbero entrati in pensione oppure avrebbero cambiato struttura di lavoro. Stiamo parlando dell’Istituto Tecnico Economico “G. Amendola”, il quale, come l’anno scorso, ha presentato un numero di studenti pari a 70 e tutti sono passati al nuovo anno scolastico senza alcun problema.

Il Liceo Classico Statale “F. De Sanctis” quest’anno nel mese di giugno ha registrato un numero pari a 94 su 751 studenti presenti all’interno della struttura e purtroppo solo due di essi non sono riusciti a passare la prova. Rispetto all’anno scorso i sondaggi cambiano, in quanto l’anno scolastico 2011/2012 aveva registrato ben 140 ragazzi.

Ancora tra i banchi di scuola ad avere il timore del debito e quindi non riuscire a passare la prova sono i 268 su 1400 studenti del Liceo Scientifico Francesco Severi e i 169, rispetto ai 132 dell’anno scorso, dell’Istituto Tecnico Industriale “Galileo Galilei”.

Numeri che ci fanno capire quanto i ragazzi siano migliorati in ambito scolastico e in senso di responsabilità rispetto all’anno scorso, grazie all’operato dei professori che durante il periodo estivo hanno impegnato i propri alunni in corsi di recupero e PON formativi di vario genere.

Clemente Donadio

 

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA