Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Multe sulle strisce blu, decidono i comuni ma soltanto con “Una previsione specifica”

Scritto da Redazione il 28 marzo 2014 in Attualità. Stampa articolo

strisce-bluSviluppi sulla questione delle sanzioni per chi parcheggia sulle strisce blu: è quanto si evince dall’incontro, di ieri sera, tra i ministri Angelino Alfano e Maurizio Lupi e il sindaco e presidente Anci Piero Fassino. Infatti, si è convenuto che si può multare chi parcheggia nelle zone a strisce blu, oltre il tempo per il quale si è pagato, soltanto se i comuni hanno adottato una specifica previsione. 

Decisione, questa, riportata in una nota del ministero dei Trasporti, in cui si legge che “la regolamentazione della sosta è competenza dei comuni che ne definiscono le modalità con proprio atto deliberativo”. Salvato, dunque, il principio generale per cui i cittadini rispettano le leggi e anche gli amministratori devono farlo e non possono interpretarle, mantenendo saldo il punto che le multe non possono essere usate come tassazione indiretta sulla pelle dei cittadini.

Piero Fassino si è detto soddisfatto del risultato perché “fa chiarezza e consente ai comuni di operare in trasparenza esercitando i propri poteri”.

In Italia le sanzioni legate al traffico sono più di 26 mila al giorno, 1.087 l’ora, 18 ogni minuto. Un record mondiale che porta i patentati a spendere per le contravvenzioni  un miliardo di euro l’anno, 132 euro in media per ogni automobilista. Il divieto di sosta con più di 2,7 milioni di multe l’anno si piazza al secondo posto fra tutte le contravvenzioni.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA