Salubrità del mare: in tempi brevi a Minori una nuova ed efficiente condotta sottomarina

Entrerà immediatamente in funzione non appena completato

Must read

Preso atto che le opere di attuazione del progetto di “Risanamento dei corpi idrici superficiali” relative al comparto 6B (comprendente i comuni di Maiori e Minori) non potranno avere corso prima del prossimo settembre, la Provincia di Salerno ha stabilito di anticipare la realizzazione della nuova condotta sottomarina di Minori, i cui lavori partiranno dal 10 di aprile e dovrebbero concludersi nell’arco di tre settimane circa.

La decisione è maturata su richiesta dell’ente Ausino, gestore della rete idrica di Minori, che ha segnalato il grave dissesto dell’attuale condotta di allontanamento delle acque reflue, suggerendo di dare corso immediato alla parte di progetto relativa appunto alla nuova condotta sottomarina. L’opera, di per sé perfettamente idonea a garantire la salubrità delle acque di balneazione a ragione della profondità di collocazione, rientra nel Progetto come dispositivo accessorio al realizzando impianto di depurazione di Maiori, ma entrerà immediatamente in funzione non appena completato.

Sulla scorta delle preoccupate sollecitazioni espresse dal Sindaco Andrea Reale nell’imminenza della stagione estiva, la Provincia ha condiviso, come si legge nella relazione illustrativa, la necessità di “dispiegare ogni utile iniziativa che possa anticipare quelle opere e/o azioni utili a scongiurare il pericolo di danni all’economia locale e danni di immagine che si riverberebbero sull’intera Costiera Amalfitana”.

La nuova condotta si svilupperà per una lunghezza di almeno 600 ml. dalla riva, arrivando presumibilmente ad 800 ml. e raggiungendo una profondità tra i 40 e i 50 m., così da creare una barriera invalicabile al passaggio dei reflui in superficie. La tecnica di realizzazione mediante Trivellazione Orizzontale Controllata (TOC) permette di evitare gli scavi a cielo aperto, con un impatto ambientale limitato e con una particolare rapidità operativa.

condotta sottomarina

La relazione aggiunge che “la scelta progettuale di realizzare la condotta sottomarina consente – nel periodo transitorio necessario fino alla messa in esercizio dell’impianto consortile di Maiori prevista per la fine del 2024 – che gli scarichi reflui prodotti dal comune di Minori vengano recapitati a mare nel termoclino in sicurezza al di sotto della batimetrica dei 40 m.”, e conclude che l’intervento “attuato nei mesi precedenti all’imminente stagione balneare, potrà contribuire significativamente a rendere sicura la fruizione delle aree da parte dei residenti e dei turisti e contribuire alla salvaguardia dell’ambiente marino-costiero”.

Inevitabilmente, per il limitato periodo di effettuazione dei lavori dovrà essere interdetto l’uso di una porzione del lungomare, con un disagio per la cittadinanza che si farà di tutto per contenere entro limiti sopportabili. Nella prospettiva di un ulteriore balzo in avanti di Minori in chiave di offerta turistica, l’Amministrazione comunale esprime un grato riconoscimento all’impegno della Provincia di Salerno per il lavoro svolto, ed alla Regione Campania per la copertura finanziaria di quasi 1 mln. 200mila euro.

- Advertisement -spot_img

More articles

- Advertisement -spot_img

Latest article