L’associazione Radici contro i rifiuti della Tunisia a Persano

L’associazione Radici accanto alle popolazioni di Serre e degli Alburni

Must read

La Regione Campania, in collaborazione con il Ministero della difesa, ha deciso di utilizzare il sito di Persano per collocare i rifiuti bloccati nel porto di Susa, in Tunisia. È quanto dichiara il Governatore Vincenzo De Luca.

A riguardo interviene il presidente dell’Associazione Radici per esprimere la propria solidarietà e vicinanza alle popolazioni di Serre e degli Alburni: “la paventata notizia di allocare i rifiuti di rientro dalla Tunisia nell’area di Persano ci ha lasciato davvero contrariati.

Riteniamo che territori così incontaminati, il cui patrimonio geologico è strettamente collegato alla natura e al patrimonio culturale – basti ricordare che il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano e Alburni è stato riconosciuto come Patrimonio Mondiale dell’UNESCO – meritino attenzioni ben diverse.

Rifiuti tossici

Eppure, è in queste terre fertili e ricche di storia che si è deciso di mettere dei rifiuti. Uno sfregio ad un intero territorio e ai suoi cittadini.

Come associazione, – conclude in presidente -, quotidianamente impegnata nella battaglia a difesa delle nostre terre, siamo al fianco dei cittadini di Serre e dell’intero territorio degli Alburni e ci uniamo convintamente al coro di NO che in queste ore si sta elevando”.

- Advertisement -spot_img

More articles

- Advertisement -spot_img

Latest article