Salernitana: Botheim in attacco, Lovato e Pirola in difesa. Le altre trattative in corso

Strategia di mercato: tanti giovani di qualità per dare forza atletica alla squadra, affiancati dagli esperti della vecchia guardia e qualche nuovo innesto di spessore

Must read

I primi tre acquisti della Salernitana, l’attaccante norvegese classe ‘00 Erik Botheim, il difensore classe ’00 Matteo Lovato e il difensore classe ’02 Lorenzo Pirola, rivelano la strategia di mercato che il Presidente Iervolino e il D.S. De Sanctis vogliono seguire nella costruzione dell’organico che dovrà affrontare il campionato di serie A 2022/2023, con l’obiettivo di mantenere la categoria.

Una squadra con tanti giovani di qualità, alcuni già in organico tipo M. Coulibaly e Bohinen, altri da acquistare e lanciare nella mischia, affiancando i più esperti già in organico: Ribery, L. Coulibaly, Radovanovic, Fazio, Gyomber, Mazzocchi (corteggiato però dal Monza), Simy (non si è capito ancora se Nicola vuole puntare sull’attaccante nigeriano) e il portiere Sepe.

I nomi che circolano per le trattative in corso, infatti, sono per lo più di giovanotti di belle speranze, alcuni già abbastanza affermati. L’attaccante cileno, classe ’00 Diego Valencia da CD Universidad Católica, il centrocampista norvegese classe ’96 Morten Thorsby dalla Sampdoria, il centrocampista offensivo serbo classe ’92 Filip Djuricic ex Sassuolo ora svincolato, il centrocampista turco classe ’97 Yusuf Yazıcı, il difensore (terzino destro) cetroafricano classe ’96 Junior Sambia, il difensore (terzino sinistro) croato classe ’99 Dromagoi Bradaric, questi ultimi tre dalla squadra francese del Lille, il difensore nigeriano classe ’01 Memeh Caleb Okoli dall’Atalanta, il centrocampista classe ’01 Filippo Ranocchia dalla Juventus.

Ritiro precampionato Salernitana a Jenbach

Da definire poi gli eventuali ritorni in casacca granata di due degli artefici della salvezza appena conquistata. Parliamo dell’attaccante classe ’97 Federico Bonazzoli dalla Sampdoria e del centrocampista offensivo classe ’92 Simone Verdi dal Torino. Con il loro ritorno, il tasso tecnico della squadra, in fase offensiva, ne gioverebbe sicuramente e sarebbero accolti dall’entusiasmo dei tifosi. Ma bisogna fare i conti con le casse della Salernitana e con le pretese dei calciatori e delle società di appartenenza.

L’AD Maurizio Milan, nel corso di un’intervista, ha assicurato che il ritorno di Bonazzoli è vicino e che a chiusura di calciomercato ci sarà un grande colpo nel reparto offensivo.

Secondo la nostra redazione, quindi, la strategia di mercato della Salernitana va accolta con entusiasmo perché è del tutto evidente che è consona al mantenimento della categoria. La serie A, infatti, rappresenta una risorsa enorme ed irrinunciabile per la società granata e per la Città di Salerno, fonte di entusiasmo e ritorno mediatico incredibile, e il Presidente Danilo Iervolino ha ben chiaro in mente questi concetti.

Intanto prosegue il ritiro precampionato della Salernitana a jenbach, in Austria, dove la squadra granata ha battuto con il risultato di 9-0 la compagine locale. A segno Simy, D’Andrea e Kristoffersen (entrambi autori di una tripletta) e Boultam su penalty. La prossima amichevole contro un’altra avversaria soft si giocherà il 20 luglio. L’esordio in un match ufficiale sarà all’Arechi, il 7 agosto, in Coppa Italia, contro il Parma, con calcio d’inizio alle ore 21.00.

- Advertisement -spot_img

More articles

- Advertisement -spot_img

Latest article